Tag: scienza dello spirito Pagina 9 di 17

La confraternita delle ombre – II parte

La confraternita delle ombre

Un punto di vista sulle teorie della cospirazione

di Sevak Edward Gulbekian.

libera traduzione dell’articolo Brothers of the Shadows – continua da qui.

Tra il 1916 e il 1917, nel pieno della catastrofica Prima Guerra Mondiale, Steiner tenne un ciclo di 25 conferenze a un gruppo di suoi allievi che si era riunito nella sede di Dornach, nella Svizzera neutrale. Queste conferenze, da che son state tradotte e pubblicate in inglese,1Karma of Untruthfulness Vol. I & II, Rudolf Steiner Press, Londra, 1988 e 1992 (Il Karma della non veracità, parzialmente tradotto in Riscatto dai poteri – L’enigma dell’Europa Centrale tra Est e Ovest, Edizioni Archiati, disponibile qui: http://www.archiatiedizioni.it/files/pre-ebook/Steiner/riscatto%20dai%20poteri/, N.d.T.). offrono una chiave di lettura unica degli eventi odierni. Dietro la facciata superficiale degli affari mondiali, suggeriva Steiner, erano al lavoro le macchinazioni di gruppi occulti o “confraternite”. Alcune di queste confraternite avevano voluto che avesse luogo la Grande Guerra e avevano manipolato gli eventi per attuarla. Nel fare ciò, cercarono di proteggere la posizione economica dominante del mondo di lingua inglese e, allo stesso tempo, di schiacciare il ruolo di “mediazione” delle potenze dell’Europa Centrale quali la Germania, l’Impero Austro-Ungarico, e così via.

Queste confraternite occulte – piccoli gruppi di uomini che si incontrerebbero in “logge” e praticherebbero la magia cerimoniale come mezzo per raggiungere determinati obiettivi – avrebbero origine dal mondo di lingua inglese (anglosassone) e sarebbero collegate, in particolare, con gli interessi anglo-americani. Il loro obiettivo sarebbe quello di estendere l’influenza anglo-americana in tutto il mondo e garantirsi il predominio culturale. Inoltre, cercherebbero di estendere la propria superiorità fino a un futuro remoto; in sintesi: assicurare che l’attuale situazione continui per sempre. Secondo la ricerca di Steiner, l’evoluzione umana attraversa “grandi epoche” di sviluppo. Durante ciascuna di queste epoche, a un particolare popolo o nazione è affidato il compito di guidare spiritualmente l’umanità. Nel corso dei millenni, il destino dei diversi popoli è stato quello di portare qualità specifiche, in modo benevolo, all’umanità intera. Determinati periodi della storia sono quindi guidati da altrettanto determinate nazioni. Ciò non implica alcuna forma di controllo politico o di imperialismo – e non presuppone nemmeno alcuna superiorità nazionale o razziale – ma ha a che fare con una forma di aristocrazia spirituale.

Steiner suggerì che al mondo occidentale, e in particolare ai popoli di lingua inglese, fosse stato dato il compito di affrontare il problema del materialismo sulla Terra e svilupparlo armoniosamente. In questo caso particolare, l’Occidente avrebbe dovuto introdurre una sorta di (benefico) materialismo all’interno dello sviluppo dell’uomo. Ma questo materialismo avrebbe dovuto essere sviluppato solo fino ad un determinato punto. Esso era necessario affinché gli uomini diventassero parte integrante del mondo terrestre, e per favorire l’immissione di una coscienza individualizzata (l’IO). Ma non oltre, in quanto avrebbe potuto essere devastante. Il materialismo come filosofia – che mette fuori discussione la possibilità di anima e spirito – è regressivo, affermava Steiner, ed opera come un male nell’evoluzione. Le confraternite anglo-americane assetate dominio sull’umanità sanno questo, e di conseguenza oggi stanno volutamente promuovendo ogni forma di materialismo, nella speranza di bloccare e intrappolare l’umanità all’attuale livello di evoluzione. Non vogliono che gli esseri umani progrediscano oltre l’attuale livello di immersione nel mondo materiale. In altre parole, esse non vogliono che noi ci ricolleghiamo liberamente con il nostro “Io” spirituale, perché sanno che così perderebbero la loro presa sull’umanità. Il progresso dell’umanità dipende dalla conoscenza, e per questo le confraternite occulte si oppongono alla conquista di tale conoscenza.

Steiner spiegò anche che le confraternite erano a conoscenza del fatto che i popoli slavi avrebbero avuto il compito di guidare l’umanità nel corso del prossimo “grande periodo” di storia. Per questa ragione, le confraternite anglo-americane non cercarono solo di dominare l’attuale periodo culturale, ma –sapendo che il popolo slavo avrebbe avuto questa importante missione nel futuro – cercarono di estendere il controllo anche su di esso (in particolare sulla Russia) nel presente, in modo da interferire con se non bloccare lo sviluppo di questo loro compito a venire. In questo modo, le confraternite anglo-americane poterono estendere il loro controllo sullo sviluppo umano fino a un futuro remoto. Steiner successivamente affermò che la Rivoluzione Bolscevica in Russia, che portò alla nascita dell’Unione Sovietica e di 72 anni di repressione culturale, intellettuale, economica e politica della nazione e delle sue varie genti, fu ideata e promossa dalle stesse confraternite come mezzo di controllo dell’intera area e della sua popolazione.2Si veda anche Sergej O. Prokofieff, The Spiritual Origins of Eastern Europe and the Future Mysteries of the Holy Grail, Temple Lodge Publishing, Londra 1993; in italiano Le sorgenti spirituali dell’Europa orientale e i futuri Misteri del Santo Gral, Il capitello del Sole, Bologna (Nd.T.).

Quali sarebbero le prove a sostegno dell’analisi di Steiner? Tra l’altro, è interessante notare come l’attuale situazione mondiale e in che modo – visto che di ciò Steiner ha parlato nel 1916-17 – la cultura anglo-americana ha finito per dominare il mondo in unione con l’economia americana e l’influenza politica (con il sostegno entusiasta dei politici britannici). L’affermazione di un’azione militare unilaterale di Stati Uniti e Gran Bretagna nell’invasione dell’Iraq del 2003 – di fronte all’opposizione di quasi tutto il mondo – è stato un ottimo esempio di questo formidabile potere all’opera. Tuttavia queste osservazioni non costituiscono una “prova” in senso stretto.

Un’altra fonte di prove è il notevole lavoro di ricerca del Prof. Carroll Quigley (1910 – 77) che ha scritto due corposi volumi The Anglo-American Establishment (1949) (La classe dirigente anglo-americana, N.d.T.) e Tragedy and Hope (1966)3The Anglo-American Establishment pubblicato nel 1981, Books in Focus, New York. Tragedy and Hope pubblicato nel 1966 da Macmillan, New York (entrambi non tradotti in italiano N.d.T.). (Tragedia e Speranza, N.d.T.), incentrati sulla rete segreta che si sviluppò dalle iniziative di Cecil Rhodes (1853 – 1902): Quigley definì il potere ottenuto da questo gruppo attraverso la sua influenza nella politica, nella cultura e nella vita sociale con il termine “terrificante”. È importante notare che Quigley non era un paranoide teorico della cospirazione, ma uno stimato professore di Georgetown, che fu anche insegnante di Bill Clinton (più avanti esamineremo in che modo questa rete possa essere correlata con le confraternite di cui parla Steiner). Altri autori hanno seguito l’esempio di Quigley e integrato i suoi studi producendo tutta una serie di nuove osservazioni. Alcuni hanno anche collegato le idee di Steiner alle ricerche di Quigley.4Si veda Terry Boardman, Mapping the Millennium, Behind the Plans of the New World Order, Temple Lodge Publishing, Londra, 1998, e anche Amnon Reuveni, In the Name of the “New World Order”, Manifestations of Decadent Powers in World Politics, Temple Lodge Publishing, Londra 1996. In questo contesto, tuttavia, vorrei citare solamente due “sintomi” esteriori che, perlomeno, offrono una prova circostanziale della diagnosi di Steiner.

II. continua

Note   [ + ]

La confraternita delle ombre – I parte

La confraternita delle ombre

Un punto di vista sulle teorie della cospirazione

di Sevak Edward Gulbekian.

libera traduzione dell’articolo Brothers of the Shadows

[one_half]Questo articolo di Sevak Edward Gulbekian è l’espansione di un capitolo del suo libro Nel Ventre della Bestia – Confrontarsi con la cultura di massa, apparso dapprima sulla rivista New Dawn e poi su New View.

Un particolare ringraziamento a Sevak che mi ha consentito di tradurre questo suo lavoro, fornendomi gentilmente una versione aggiornata, che tiene conto delle organizzazioni contemporanee.

Sevak Edward Gulbekian è nato a Londra nel 1964. La sua visione spirituale si fonda sull’antica eredità delle sue origini armene, sulle più moderne ricerche esoteriche di Rudolf Steiner, così come i molteplici resoconti di esperienze spirituali oggi disponibili. Nell’ultimo decennio ha cercato di trovare una via per collegare la spiritualità alla cultura dei nostri giorni, un percorso elaborato attraverso saggi, conferenze, seminari e, infine, il volume sopra citato. Nella sua vita professionale è il direttore editoriale della Clairview Books, e pubblica libri che mettono in discussione la “saggezza comune” dei media e i dogmi materialistici della nostra epoca. Sevak è anche un omeopata qualificato.[/one_half]

[one_half_last]This article by Sevak Edward Gulbekian is an expanded chapter from his book In the Belly of the Beast, Holding Your Own in Mass Culture, which was published first in New Dawn then in New View magazine.

Special thanks to Sevak, who allowed me to translate and publish this article, kindly giving me an updated version of his work that takes account of  contemporary organizations.

Sevak Edward Gulbekian, born in London in 1964, lives in England. His spiritual outlook is informed by the ancient heritage of his Armenian ancestry, the more modern esoteric research of Rudolf Steiner, as well as the many contemporary accounts of spiritual experience available today. Over the past decade he has sought to find ways of relating spirituality to present-day culture, a path he has elaborated through essays, talks, workshops, and, finally, the volume cited above. In his professional work he is the chief editor of Clairview Books, and he publishes books that challenge the “received wisdoms” of the media and the materialistic dogmas of the age. Sevak is also a qualified homeopath.[/one_half_last]

Nel suo libro Guerra perpetua per una pace perpetua Gore Vidal suggerisce che il pubblico americano sia stato condizionato a rispondere alla parola “cospirazione” con un sorriso e una risatina. La cospirazione, in altri termini, è per i pazzi e gli asociali, e non è da prendere sul serio. In questo modo, egli sostiene, attraverso l’associazione mediatica del concetto di cospirazione con estremisti o personaggi al limite, i cospiratori reali passano inosservati. Si tratta di un punto vitale, e Vidal lo persegue con coraggio ed espone autentiche cospirazioni da parte di politici, FBI, lobbisti del tabacco, e così via. Ma il rovescio della medaglia è la proliferazione di teorie cospirative fantasiose e fantastiche che ora attraversano il mondo in pochi secondi grazie all’ausilio dei media elettronici. La diffusione di Internet ha democratizzato le teorie complottiste. Milioni di persone hanno ora i mezzi per pubblicare le proprie personali analisi su ciò che sta accadendo. Una conseguenza necessaria di questa massiccia crescita dell’editoria digitale individuale è che sta diventando sempre più difficile discernere la verità e trovare i diamanti tra la bigiotteria scintillante.

Tra le più fantastiche teorie su UFO e rettili intergalattici, si ripresentano insistentemente certi temi fondamentali nella massa del materiale sulla “teoria della cospirazione” attualmente disponibile. Primo fra tutti l’idea che una elite occulta stia cercando di assoggettare l’umanità sotto l’egida di un unico governo mondiale centralizzato. Spesso a questo gruppo è associato il nome dei misteriosi “Illuminati”, sebbene non sia spesso chiaro cosa si intenda con esso. Si suppone che gli Illuminati siano una cricca di banchieri di alto rango, politici e uomini d’affari che cercano di creare il suddetto governo onnipotente.

Qual è la verità in tutto ciò? Data la natura dell’argomento, non è possibile dare risposte definitive. Tuttavia, vorrei presentare un importante punto di vista sul tema – che quasi mai è stato preso in seria considerazione – che può gettare potenzialmente molta luce sulla questione. Questo punto di vista è tratto dalle ricerche di Rudolf Steiner. Nella seconda parte di questo articolo cercherò di mettere in relazione le idee di Steiner con i temi che generalmente si trovano nella ricerche sulla teoria della cospirazione odierne.

Per quale motivo Steiner? Perché, se non altro, le sue dichiarazioni indicazioni su aree della vita pratica hanno portato alla nascita di notevoli frutti, a testimonianza dei quali stanno le centinaia di scuole Waldorf che offrono un nuovo tipo di educazione, fattorie che praticano con successo l’agricoltura biodinamica, cliniche che impiegano farmaci antroposofici, e così via. Da profondo chiaroveggente, Steiner afferma di indagare le dimensioni ulteriori della realtà al fine di comprendere appieno la condizione umana. La sua eredità sono centinaia di volumi di conferenze trascritte e libri pubblicati su una vasta gamma di tematiche. A differenza di quello di molti altri maestri spirituali e guru, ciò che emerge da questo lascito si è dimostrato avere applicazioni pratiche in tutti gli ambiti dell’esistenza. Questo di per sé non fornisce alcuna prova definitiva sulla veridicità della sua opera, ma trova eco nel detto biblico “Li riconoscerete dai frutti che daranno” (Matteo 7:20).

I. – continua

Il rinnovamento dei Misteri: Rudolf Steiner e l’Antroposofia

invito al seminario condotto da

Alessandro Benati

Il rinnovamento dei Misteri:
Rudolf Steiner e l’Antroposofia

una via occidentale allo Spirito

Sabato 2 Aprile 2016

dalle ore 9.30 alle 17.30

presso la Libreria IBIS di Bologna – via Castiglione 11/b

Per ragioni organizzative e logistiche, il seminario è limitato a 25 partecipanti.

Per informazioni o iscrizioni inviare una mail a seminario.misteri@alessandrobenati.it
oppure telefonare al 347-8634900.

L’iscrizione si considererà confermata al ricevimento della quota di partecipazione.

Relatore

Alessandro Benati, dopo studi scientifici si occupa di informatica nel settore bancario. Da diversi anni si interessa delle opere di Rudolf Steiner, dei maestri della Tradizione e di Filosofia. Di recente ha intrapreso uno studio approfondito, tuttora in corso, sulla figura e sul ruolo di Kaspar Hauser, in relazione alle condizioni storiche, economiche e sociali.

Descrizione e Programma

Il seminario si propone di approfondire la conoscenza della vita e dell’opera di Rudolf Steiner, mettendole in relazione allo sviluppo della cosiddetta Tradizione, ripercorrendone sinteticamente le tappe, a partire dalla cosiddetta “caduta di Atlantide”, attraverso le varie epoche culturali che hanno caratterizzato la storia dell’umanità da quel momento in poi.

L’opera di Rudolf Steiner non è solo una riproposizione, seppure in una forma adeguata alle moderne condizioni evolutive dell’uomo, di quanto la Tradizione antica ha coltivato nei Misteri e ci ha tramandato, e nemmeno una semplice continuazione di quelle scuole, che come sappiamo sono ormai chiuse da molte centinaia di anni, ma è una vera e propria sintesi (o unificazione) che ha il proprio fulcro nell’Essere Cristo, delle strade che le due principali correnti del sapere moderno – che potremmo definire con i termini generici di fede e scienza – hanno intrapreso.

Con questo però non si vuole ridurre l’enorme sacrificio interamente votato all’umanità che egli ha compiuto ad un semplice sincretismo tra Oriente e Occidente, Fede e Scienza o qualunque altra dicotomia esistente; al contrario si vuole porre invece l’accento su due fatti completamente nuovi e unici: l’abbattimento delle barriere della conoscenza e l’aver risollevato l’intelletto umano allo Spirito.

In quest’opera, per adoperare le parole di Marie Steiner-von Sivers:

…egli ha compiuto la più grande azione umana. Ci ha insegnato a comprendere la più grande azione divina. Avendo compiuto la più grande azione umana, come non doveva essere odiato con tutta la forza demoniaca di cui l’inferno è capace? Egli però ha ricambiato l’incomprensione con l’amore.

Alcuni temi che verranno trattati:

  • L’iniziazione di Rudolf Steiner.
  • Evoluzione cosmica e origine dei misteri.
  • Caduta di Atlantide e nascita dei Misteri: Buddha, Zoroastro, Ermete e Mosè.
  • I Misteri nell’antica Grecia.
  • La svolta dei tempi: i due bambini Gesù e i due Giovanni.
  • il Cristianesimo petrino e quello giovannita.
  • La chiusura dei Misteri.
  • L’abolizione dello Spirito.
  • Le scuole occulte.
  • Nascita e comparsa della Fraternità Rosa+Croce.
  • L’affermazione della scienza.
  • La Massoneria.
  • L’opera unificatrice di Rudolf Steiner.

Scarica il programma.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi